Latinoamerica-online.it

La scomparsa di Marta Harnecker

Marta Harnecker "ha continuato il lavoro iniziato da Marx senza timore di arricchirlo, tenendo permanentemente conto delle novità nella realtà del mondo, del capitalismo, dell’imperialismo, delle lotte, rinnovando in tal modo i concetti, le proposte teoriche e quelle relative alle strategie d’azione". Così scriveva nel 2009 l'economista egiziano Samir Amin, aggiungendo che Harnecker "ha aiutato a dare al marxismo quella dimensione universale che deve essere sua; ha fatto sì che fosse udito dalla grande maggioranza dei popoli del mondo, che sono quelli dei tre continenti. E’ riuscita a far uscire il marxismo da una chiusura eurocentrica mortale". La grande intellettuale cilena si è spenta il 15 giugno a Vancouver, in Canada.

Nata a Santiago nel 1937 da una famiglia di origine austriaca, negli anni Sessanta Harnecker studiò a Parigi sotto la guida di Louis Althusser. Tornata in patria, insegnò Materialismo Storico ed Economia Politica presso l’Universidad de Chile, diresse il settimanale Chile Hoy e collaborò con il governo di Salvador Allende. Esiliata a Cuba in seguito al golpe di Pinochet, divenne direttrice del Centro de Investigaciones Memoria Popular Latinoamericana dell’Avana. Dopo la Rivoluzione Bolivariana fu consigliera del presidente Hugo Chávez e fece parte della direzione del Centro Internacional Miranda a Caracas. Era membro della Red de Intelectuales y Artistas en Defensa de la Humanidad, il movimento nato nel 2003 per opporsi a ogni forma di dominazione ed esclusione.

Sono oltre ottanta gli scritti di Marta Harnecker, a cominciare dal libro Conceptos elementales del materialismo histórico (1969) che ha visto innumerevoli edizioni: molti militanti di sinistra del continente si formarono su quelle pagine. Ricordiamo inoltre: El capital: conceptos fundamentales (1971), Cuba: ¿dictadura o democracia? (1975), Pueblos en armas (1983), La revolución social (Lenin y América Latina) (1985), ¿Qué es la sociedad? (1986), Indígenas, cristianos y estudiantes en la revolución (1987), América Latina: Izquierda y crisis actual (1990), Haciendo camino al andar (1995), Haciendo posible lo imposible: La izquierda en el umbral del siglo XXI (1999), Reconstruyendo la izquierda (2006), Un mundo a construir (nuevos caminos) (2013). Per quest’ultima opera Harnecker intervistò oltre cento dirigenti politici e sociali latinoamericani e fu insignita a Caracas del Premio Libertador al Pensamiento Crítico. (16/6/2019)

 

Latinoamerica-online.it

a cura di Nicoletta Manuzzato