Latinoamerica-online.it

Brasile, l'uccisione di Marielle Franco

Delitto politico in Brasile. Marielle Franco, consigliera comunale di Rio de Janeiro, Ŕ stata assassinata il 14 marzo in un agguato mentre viaggiava in automobile. Quattro proiettili l'hanno colpita alla testa, altri tre hanno ucciso l'autista. Il delitto Ŕ avvenuto quando nello Stato era in atto giÓ da quasi un mese l'intervento militare, deciso dall'illegittimo presidente Temer per "porre fine alla grave crisi dell'ordine pubblico". Marielle si era opposta con forza a questo provvedimento, adottato per la prima volta dall'approvazione della Costituzione del 1988. La sua morte ha scatenato immediate mobilitazioni in tutto il paese. Centinaia di migliaia di persone si sono concentrate davanti alla CÔmara Municipal di Rio, dove si Ŕ tenuta la veglia funebre.

Dirigente del Partido Socialismo e Liberdade, Marielle Franco si definiva "nera, femminista e cresciuta nella favela della MarÚ". Nata in un ambiente violento e degradato, era riuscita a laurearsi in sociologia ed era da sempre impegnata nella difesa dei diritti delle donne e delle persone pi¨ svantaggiate. Aveva coordinato la Commissione per la Difesa dei Diritti Umani e Civili dell'Assembleia Legislativa di Rio e pi¨ volte aveva denunciato gli abusi delle autoritÓ e le uccisioni indiscriminate di giovani, soprattutto neri, da parte delle forze di sicurezza.

Il suo assassinio, una vera e propria esecuzione, rivela l'azione di tiratori esperti che hanno utilizzato munizioni calibro 9 in dotazione alla polizia federale. Una conferma che dietro l'attentato ci sono le forze di sicurezza o membri delle milÝcias, come vengono chiamati i gruppi paramilitari formati da poliziotti ed ex poliziotti. Il suo caso ricorda quello della giudice PatrÝcia Acioli, colpita a morte nel 2011 da due sicari a Niterˇi (sempre nello Stato di Rio), perchÚ "colpevole" di aver rinviato a giudizio agenti legati alle milÝcias. (17/3/2018)

In archivio 2017 altre notizie sul Brasile:

Si prepara il ritorno dei militari? (7/11/2017)

Il golpe prosegue con la condanna di Lula (21/72017)

Lula e il giudice Moro a confronto (13/5/2017)

Sciopero generale contro Temer (2/5/2017)

 

Latinoamerica-online.it

a cura di Nicoletta Manuzzato