Latinoamerica-online.it

Wanda Vázquez nuova governatrice di Puerto Rico

Wanda Vázquez Garced č la nuova governatrice di Puerto Rico. Ha prestato giuramento il 7 agosto, dopo che il Tribunale Supremo all’unanimitŕ aveva dichiarato incostituzionale la nomina di Pedro Pierluisi, il successore designato da Ricardo Rosselló.

E' il terzo cambiamento, in meno di un mese, al vertice dell’isola. Rosselló era stato costretto ad annunciare le dimissioni il 25 luglio, in seguito alla diffusione delle sue chat con alcuni stretti collaboratori: in queste conversazioni venivano espressi giudizi pesantemente omofobi e sessisti e ci si burlava delle vittime dell’uragano María, che nel 2017 aveva devastato il paese provocando quasi 3.000 morti. Le chat avevano inoltre messo a nudo casi di appropriazione indebita di fondi pubblici da parte di alti funzionari dell’amministrazione. Le rivelazioni avevano suscitato l’indignazione popolare: per due settimane migliaia di persone avevano riempito le piazze, chiedendo a gran voce la rinuncia del governatore. Alle proteste avevano partecipato artisti di fama internazionale, come il cantante Ricky Martin e l’attore Benicio del Toro.

Anche Wanda Vázquez, che come Rosselló fa parte del Partido Nuevo Progresista (formazione di destra), non č immune da critiche: come segretaria del Dipartimento della Giustizia si sarebbe rifiutata di indagare su sospetti episodi di corruzione nella distribuzione degli aiuti alla popolazione colpita dall’uragano.

Le manifestazioni di luglio non hanno comunque messo in discussione lo statuto di Puerto Rico, la sua condizione di Estado Libre Asociado in base alla quale gli abitanti sono cittadini statunitensi di serie B: possono entrare senza necessitŕ di visto negli Stati Uniti e naturalmente servire nell'esercito, ma non hanno voce né voto nel Congresso e non partecipano all'elezione del presidente. L'isola soffre da tempo di una grave crisi economica: il suo reddito annuale medio č di 19.775 dollari, contro i 42.009 del pur povero Mississippi. Con due referendum (nel 2012 e nel 2017) i portoricani hanno chiesto la trasformazione del loro paese nel 51° Stato dell'Unione. Ma questo non rientra certo nei piani nordamericani, specie in considerazione dell'attuale ondata di razzismo verso la componente ispanica. Washington d'altra parte si č sempre opposta con violenza alle aspirazioni indipendentiste, per ora minoritarie, non intendendo rinunciare a un territorio di grande importanza strategica per il controllo militare sui Caraibi. (8/8/2019)

 

Latinoamerica-online.it

a cura di Nicoletta Manuzzato