Latinoamerica-online.it

analisi e approfondimenti sull'America Latina

chi siamo

schede dei paesi

archivio

latinoamerica-online è a fianco di chi lotta per la pace in tutto il mondo. Contro Putin e contro la Nato. Contro le violenze di Hamas e contro il genocidio in atto a Gaza: l'unica soluzione è la convivenza di due Stati

L’oasi felice cilena: destre e poteri forti

Il Brasile nell'epoca del caos

(31/3/2024) Varie cose sono successe nelle ultime settimane in Brasile. Accadimenti che hanno riflessi anche internazionali e che confermano che viviamo nell’epoca del caos che accompagna la rimessa in discussione dell’egemonia e degli attori che per essa competono. Caso Marielle. Dopo sei anni dall’assassinato, avvenuto il 14 marzo 2018, della consigliera comunale di Rio de Janeiro Marielle Franco e dell’autista Anderson Gomes, il 24 marzo 2024 la polizia federale ha compiuto una serie di arresti di quelli che si ritengono essere i mandanti dell’ assassinio. Il sicario Ronnie Lessa era già detenuto da tempo. Gli arrestati in quanto mandanti sono due fratelli, Domingos Brasão, consigliere dei Tribunale dei Conti dello Stato di Rio, e Chiquinho Brasão, deputato federale del partito União Brasil (dal quale è stato al momento espulso). Sono imprenditori con una rete di distribuzione di benzina, attivi nella speculazione edilizia illecita (e questo sembra il motivo della eliminazione di Marielle), collegati al mondo delle milizie che operano e controllano le favelas (oggi chiamate comunità). Terzo arrestato Rivaldo Barbosa, ex capo della Polizia civile di Rio (ed è a questo ramo delle polizie che spetta il compito di svolgere le indagini), carica alla quale venne nominato a marzo 2018 dal commissario della  Segreteria di Sicurezza di Rio generale Walter Braga Neto. (Teresa Isenburg) segue

Tutti gli approfondimenti sul Brasile a questo link


Argentina, ricetta neoliberista e alleanza strategica con gli Usa

(7/4/2024) Una mobilitazione che ha superato ogni aspettativa: il 24 marzo centinaia di migliaia di persone sono scese in piazza a Buenos Aires e nelle altre città argentine, nell'anniversario del colpo di Stato del 1976. La manifestazione per la Memoria, la Verità e la Giustizia è stata anche una dimostrazione dell'opposizione alla politica del presidente Milei. Nel documento, letto in Plaza de Mayo dalla presidente delle Abuelas Estela de Carlotto, dal Premio Nobel per la Pace Adolfo Pérez Esquivel e da Taty Almeida di Madres Fundadoras, si ricorda tra l'altro che le vittime di quegli anni "lottavano per una società più giusta, ugualitaria, solidale e sovrana. Per questo li hanno portati via. Le stesse bandiere abbiamo impugnato come organismi dei diritti umani in pieno genocidio, quando abbiamo affrontato la dittatura più sanguinosa. E così facciamo oggi perché il governo di Milei intende strapparci tutto: i nostri diritti, la nostra sovranità e la nostra libertà". Il golpe di 48 anni fa servì ad imporre "con il terrorismo di Stato, la concentrazione della ricchezza in poche mani, l'approfondimento della disuguaglianza sociale e con essa la miseria pianificata (...) Le stesse corporazioni che si beneficiarono allora sono quelle che tornano a farlo oggi, con la stessa ricetta neoliberista, la stessa crudeltà e lo stesso disprezzo per il popolo argentino". segue


Assassinata la più giovane sindaca dell'Ecuador

(25/3/2024) Brigitte García aveva solo 27 anni: era la sindaca di San Vicente, nella provincia di Manabí e apparteneva al movimento Revolución Ciudadana. Il suo corpo senza vita è stato trovato, all'alba del 24 marzo, all'interno di un'auto insieme a quello di Jairo Loor, responsabile della comunicazione dello stesso municipio: erano stati uccisi a colpi d'arma da fuoco sparati dall'interno del veicolo. Sono le ultime due vittime, in ordine di tempo, dell'ondata di violenza che sta sconvolgendo il paese e che lo stato d'emergenza decretato dal governo non è in grado di arrestare. segue


Emergenza umanitaria ad Haiti

(14/3/2024) Duecento bande criminali che si disputano il potere in un paese immerso nel caos e dove lo Stato non è in grado di offrire alcuna protezione alla popolazione. È la situazione di Haiti, in preda a una vera e propria emergenza umanitaria: secondo il responsabile del Programma Alimentare Mondiale dell'Onu nella nazione caraibica, Jean-Martin Bauer, siamo di fronte a "una delle crisi alimentari più gravi al mondo", con quasi un milione e mezzo di persone "sull'orlo della denutrizione". Oltre 360.000 haitiani, la metà dei quali bambini, hanno dovuto abbandonare le loro abitazioni per sfuggire alla violenza, inaspritasi agli inizi di marzo quando, in un attacco sanguinoso delle pandillas al penitenziario di Port-au-Prince, 3.600 prigionieri sono riusciti a fuggire. Oltre alle carceri sono state attaccate caserme, banche, magazzini comunitari e persino il Palazzo Nazionale. segue


Celac, la destra regionale diserta il vertice

(2/3/2024) I temi sul tappeto erano della massima importanza: sicurezza alimentare, strategia sanitaria, cambiamento climatico, mantenimento della pace nel subcontinente. Ma molti paesi non erano rappresentati al massimo livello: dei 33 capi di Stato e di governo chiamati a partecipare a Kingstown, capitale di Saint Vincent and the Grenadines, all'ottavo vertice della Comunidad de Estados Latinoamericanos y Caribeños, erano presenti solo in quindici. Mancavano in particolare l'argentino Milei, il salvadoregno Bukele, l'ecuadoriano Noboa e l'uruguayano Lacalle Pou. segue


Colombia, il difficile cammino della pace

(28/2/2024) Il presidente Gustavo Petro ha voluto lanciare un messaggio di pace nel corso della Conferenza di Monaco sulla Sicurezza (16-18 febbraio). "Noi possiamo aiutare l'Ucraina non con le armi, non attizzando una guerra tra fratelli - ha affermato parlando ai giornalisti - Possiamo aiutare in ciò che abbiamo appreso dalla pace, per esempio come sminare un territorio, per esempio propiziando i colloqui che permettano di uscire dalla guerra". Una risposta alle pressioni statunitensi sui paesi dell'America Latina per "arruolarli" nell'appoggio bellico a Kiev. segue

Sulla Colombia v. anche: Hasta siempre Piedad


El Salvador, Bukele rieletto tra denunce di irregolarità

(23/2/2024) Sono stati resi noti dal Tribunal Supremo Electoral i risultati definitivi delle presidenziali del 4 febbraio: Nayib Bukele è stato rieletto con l'82,6% dei voti. Un risultato poco credibile, anche tenendo conto della grande popolarità conquistata dal capo dello Stato con la sua spregiudicata lotta alle maras. In realtà vengono taciute le tante denunce di brogli e di irregolarità: disconnessione del sistema durante la trasmissione dei conteggi, mancanza di dati ufficiali, sostituzione degli scrutatori designati... Senza contare che i salvadoregni si sono recati alle urne nel quadro di un estado de excepción in vigore dal marzo del 2022 (e che dopo il voto è stato prorogato per altri 30 giorni). segue

Su El Salvador v. anche: Avances y retrocesos del proyecto Bukele en elecciones 2024

Venezuela, scoperti cinque piani eversivi

(24/1/2024) Dal maggio scorso 32 persone sono finite in carcere, accusate di aver partecipato a cinque piani eversivi sventati dall'intelligence bolivariane. Lo ha rivelato il 22 gennaio il fiscal general Tarek William Saab, aggiungendo che sono stati emessi altri ordini di cattura. Tra i sospettati di cospirazione figurano civili e membri della Fuerza Armada Nacional Bolivariana. Tra gli obiettivi dei golpisti l'assassinio del presidente Maduro e assalti a installazioni militari. Il procuratore ha mostrato le testimonianze di due arrestati che coinvolgono in questi complotti la Cia e alcuni dirigenti politici di destra. segue

Il governo Maduro svela i 5 piani cospirativi dell'estrema destra nel 2023


Guatemala, la promessa di una nuova primavera

(20/1/2024) L'investitura di Bernardo Arévalo de León alla massima carica dello Stato e della sua vice Karin Herrera Aguilar era previsto per le 16 di domenica 14 gennaio, ma ha potuto avvenire solo nelle prime ore di lunedì 15, a causa del ritardo nell'insediamento dei nuovi deputati. Un ritardo dovuto ai tentativi dei parlamentari legati alla vecchia legislatura di mantenere il controllo del Congresso o almeno della sua Junta Directiva, ostacolando l'ingresso degli eletti del Movimiento Semilla. Tentativi andati a vuoto, dal momento che alla fine a presiedere il Parlamento è stato proclamato un esponente di Semilla, Samuel Pérez. E anche la seconda votazione dei vertici del Congresso, imposta dalla Corte de Constitucionalidad in seguito ai ricorsi dell'opposizione, si è conclusa giorni dopo con la sconfitta della destra: la nuova Junta Directiva è composta da legislatori vicini ad Arévalo ed è presieduta da Nery Ramos, del Partido Azul. segue


Perù, in libertà l'ex dittatore Fujimori

(23/12/2023) Que se vayan todos. È questa la richiesta di migliaia di persone scese in piazza a un anno dall'insediamento della presidente Boluarte e dopo la liberazione di Alberto Fujimori, uscito il 6 dicembre dal carcere vip in cui era rinchiuso. I manifestanti chiedono non solo la rinuncia dell'esecutivo, ma anche lo scioglimento del Congresso ed elezioni anticipate. In pratica è il rifiuto totale di una classe dirigente corrotta. L'ex dittatore, che stava scontando una condanna a 25 anni di prigione per crimini di lesa umanità, ha beneficiato di un indulto del 2017, che era stato in seguito dichiarato illegale dalla Corte Suprema e che è stato ripristinato su ordine del Tribunal Constitucional. La scarcerazione di Fujimori è avvenuta in barba alle risoluzioni della Corte Interamericana de Derechos Humanos, che si era pronunciato contro l'indulto "per garantire il diritto di accesso alla giustizia delle vittime". Dina Boluarte ha però deciso di non obbedire alla Cidh: ha bisogno dell'alleanza dei fujimoristi, sui quali si appoggia per contrastare le denunce a suo carico per violazione dei diritti umani dopo la morte di oltre sessanta persone, uccise dalle forze di sicurezza nel corso di manifestazioni antigovernative. Fujimori è dunque libero e godrà di un ulteriore beneficio: è stato infatti annullato il procedimento di indagine sulle sterilizzazioni forzate commesse durante il suo regime ai danni di migliaia di donne indigene povere. segue


Brasile, 8 gennaio 2024

(11/1/2024) Un anno è passato da quando in Brasile il governo federale, da poco insediato sotto le presidenza di Luiz Inácio Lula da Silva, veniva frontalmente attaccato da azioni golpiste coordinate che devastarono le sedi istituzionali dei tre poteri nel Distretto Federale. A distanza di dodici mesi da quei fatti l’esecutivo federale e in prima persona il presidente hanno promosso un atto pubblico forte negli spazi del Parlamento, convocando i rappresentati istituzionali principali, cioè il presidente del Supremo Tribunale Federale, il presidente del Tribunale Superiore Elettorale, il procuratore generale della Repubblica, i presidenti dei due rami del Parlamento, i governatori degli Stati e del Distretto Federale. In parallelo in molte città si sono tenute manifestazioni per la difesa dello stato democratico di diritto. (Teresa Isenburg) segue

Tutti gli approfondimenti sul Brasile a questo link


Bolivia, Evo Morales non potrà ricandidarsi

(30/12/2023) "La restrizione alla possibilità di candidatura illimitata è una misura idonea ad assicurare che una persona non si perpetui al potere". Lo ha affermato il Tribunal Constitucional Plurinacional, annullando così la decisione del 2017 della stessa corte che aveva permesso a Evo Morales di ricandidarsi con la giustificazione che si trattava di un "diritto umano". Secondo questa nuova sentenza, presidente e vicepresidente possono presentarsi solo per due mandati, consecutivi o meno. Morales dunque non potrà partecipare alla contesa elettorale del 2025, come aveva preannunciato, avendo già completato tre gestioni presidenziali (la quarta era stata interrotta dal golpe del 2019). segue


Cile, respinta la proposta di Costituzione dell'estrema destra

(19/12/2023) I cileni hanno respinto, con il 55,7% dei voti, il progetto di Costituzione presentato da una maggioranza di estrema destra, che proponeva un inasprimento delle leggi contro l'immigrazione clandestina, poneva un'ipoteca sul diritto di aborto e limitava il ruolo dello Stato in un'economia di mercato, delineando un regime fortemente neoliberista. Il testo era stato elaborato da un Consejo Constitucional eletto in maggio e dominato dal reazionario Partido Republicano dopo la bocciatura, nel settembre 2022, della proposta democratica e innovativa redatta da una prima assemblea costituente. segue


"La dottrina Monroe è viva"

(29/11/2023) Commemorando il duecentesimo anniversario della sua proclamazione da parte del presidente statunitense Monroe, un gruppo di parlamentari repubblicani ha presentato in Senato una risoluzione che riconosce i principi di libertà e indipendenza dell'emisfero consacrati nella Dottrina Monroe "come una pietra angolare durevole della politica estera degli Stati Uniti" e riafferma il diritto Usa "di opporsi a un potere straniero che estenda un'influenza maligna che potrebbe porre in pericolo o minare le democrazie dell'emisfero occidentale". segue

La búsqueda de justicia más allá de las fronteras


L'America Latina condanna il massacro di civili a Gaza

(24/11/2023) Di fronte al massacro della popolazione civile nella Striscia di Gaza da parte delle truppe israeliane, dure reazioni di condanna sono venute da gran parte dell'America Latina. Il governo boliviano ha annunciato il 31 ottobre la rottura delle relazioni diplomatiche con Israele "in ripudio e condanna dell'aggressiva e sproporzionata offensiva militare in atto". Non è la prima volta che La Paz interrompe i rapporti con Tel Aviv: era già successo nel 2009 per decisione di Evo Morales, sempre in seguito a un attacco israeliano a Gaza; le relazioni erano state poi riallacciate dal governo golpista di Jeanine Añez. segue

Sull'argomento v. anche: Miradas feministas sobre Gaza


Cuba, nuovo voto dell'Onu contro il bloqueo

(3/11/2023) Anche quest'anno l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, riunita il 2 novembre, ha chiesto in modo quasi unanime di "porre fine all'embargo economico, commerciale e finanziario" imposto dagli Stati Uniti contro Cuba. 187 i voti a favore, solo due contrari (Usa e Israele) e un'astensione (Ucraina). Un successo importante per l'isola, sottoposta da decenni a un vero e proprio atto di guerra in tempo di pace. Ma un successo simbolico, perché destinato a rimanere lettera morta di fronte alla volontà statunitense di perseguire con questo strumento il suo obiettivo: "annullare la capacità del governo di rispondere alle necessità della popolazione, creare una situazione di ingovernabilità e distruggere l'ordine costituzionale", come ha denunciato il ministro degli Esteri dell'Avana Bruno Rodríguez. segue

Su Cuba v. anche: Cuba se mira en el espejo palestino


 

 

Latinoamerica-online.it anno XXIV

a cura di Nicoletta Manuzzato

Registrazione presso il Tribunale di Milano n. 259 del 13/4/04