Latinoamerica-online.it

Michelle Bachelet alta commissaria per i Diritti Umani dell'Onu

L'ex presidente cilena Bachelet è stata designata alta commissaria delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, in sostituzione del giordano Zeid Ra’ad al-Hussein. Entrerà in carica il primo settembre. La nomina, proposta dal segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, è stata ratificata il 10 agosto dall'Assemblea Generale. "Bachelet è una pioniera, una visionaria, una donna di principi e una grande leader in questi tempi difficili per i diritti umani", ha affermato Guterres. Assume il suo compito in un momento grave, "con l'odio e la disuguaglianza in aumento, il rispetto per le norme internazionali umanitarie in declino, lo spazio per la società civile in diminuzione e la libertà di stampa sotto pressione".

In giugno gli Stati Uniti avevano annunciato il loro ritiro dal Consiglio per i Diritti Umani dell'Onu, accusandolo di faziosità nei confronti di Israele. Il predecessore di Bachelet, al-Hussein, è stato sempre un forte critico dell'amministrazione Trump. In una recente intervista al quotidiano britannico The Guardian ha duramente attaccato la retorica antiminoranze del presidente Usa, tracciando un parallelo con gli anni tra le due guerre mondiali: "Quando il linguaggio è usato in modo tale da concentrarsi su gruppi di persone che hanno tradizionalmente sofferto molto a causa del bigottismo, del pregiudizio e dello sciovinismo, questo richiama alla memoria un periodo di non troppo tempo fa, nel XX secolo, quando sono state istigate le passioni contro un gruppo vulnerabile per ottenere un beneficio politico". (13/8/2018)

In archivio 2018 altre notizie sul Cile:

Pensionati e studenti scendono in piazza (17/5/2018)

 

Latinoamerica-online.it

a cura di Nicoletta Manuzzato